19 Maggio 2024
ArticoliScuola

Il comunicato del sindaco di Casoli in merito al Dimensionamento Scolastico

Tiberini: “Orgogliosamente io e il mio gruppo consiliare, reclamiamo quanto e come l’azione di questa Amministrazione sia volta esclusivamente alla salvaguardia di tutto il sistema scolastico locale, nella convinzione che proprio i personalismi e la propaganda di parte, siano di impedimento al raggiungimento di tale scopo.

Di seguito il Comunicato Stampa del Sindaco Tiberini sulla questione dell’omnicomprensivo

In merito alla questione del Dimensionamento Scolastico di cui tanto si dibatte in questo periodo, ritengo opportuno fare chiarezza a beneficio della cittadinanza, sgombrando il campo da manipolazioni di parte e da interpretazioni allusive e fuorvianti poste in essere dai Consiglieri di Minoranza e dalla sezione locale di Fratelli d’Italia, che impongono un chiarimento puntuale e aderente alla realtà dei fatti.
Premettendo che della creazione di un Istituto Omnicomprensivo nel nostro ambito si parla da tempo, almeno tra coloro che seguono attentamente le dinamiche e i flussi del territorio, e tutte le indagini demografiche suscitano allarme per le zone interne abruzzesi (solo nel 2020 persi circa 13 mila abitanti con percentuali più alte della media nazionale e con numeri allarmanti riguardo le nascite – dati ISTAT), l’attenzione posta sull’ipotesi prossima di “dimensionamento scolastico” a Casoli nasce ben oltre la scadenza elettorale del 3 e 4 ottobre quando, nel corso dell’incontro del T.T.I. (Tavolo Tecnico Interistituzionale) tenutosi il 19/10/2021 l’assessore regionale all’istruzione e il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale hanno sollecitato le province a “lavorare” al fine di produrre delle ipotesi di dimensionamento per far fronte al calo del numero di alunni nati e frequentanti le scuole delle zone interne che accedono a Istituti di ogni ordine e grado, calo che mette a rischio la sussistenza di diverse realtà scolastiche.
A seguito di questo “invito”, ritenendo che sia doveroso per un’Amministrazione seria e attenta alle dinamiche del territorio porre in essere qualsiasi azione mirata a prevenire ricadute negative che possano danneggiare l’ambito che si è chiamati a governare, abbiamo avviato uno studio dettagliato al fine di fotografare la situazione attuale e a breve-medio termine, ricavandone dati estremamente preoccupanti, che mettono a serio rischio l’autonomia e, in una più malaugurata ipotesi, la sopravvivenza dell’offerta formativa nel nostro territorio.
I risultati emersi da tale studio rendono indifferibili scelte nette e responsabili come di norma dovrebbero essere quelle di amministratori avveduti e previdenti i quali, tra l’altro, sono stati di recente investiti di un significativo consenso elettorale che non può che tradursi in scelte chiare e responsabili, seppur a volte onerose.
Al termine di tale valutazione è emerso in modo evidente come l’unica ipotesi che porterebbe alla stabilizzazione del sistema scolastico del territorio e a scongiurare il rischio di soluzioni comunque penalizzanti (accorpamento, reggenza, perdita di indirizzi di studio), prevede la creazione di un Istituto Comprensivo verticalizzato, strada peraltro già percorsa nel recente passato da territori più popolosi e meno in declino dal punto di vista demografico (Guardiagrele, Atessa, San Salvo).

Il 23 novembre nel corso dell’incontro provinciale tra sindaci, dirigenti scolastici e rappresentanze sindacali del nostro ambito, abbiamo ribadito con fermezza tale convincimento che è stato accolto e approvato nella seduta del CPO del 13 dicembre 2021 in attesa della valutazione decisiva che si terrà a breve a carico della Regione Abruzzo.
Da tale ricostruzione cronologica e verificabile, si evince come il sottoscritto, insieme a tutto il gruppo di maggioranza, si è adoperato in maniera concreta e fattiva nelle sedi istituzionali, pur nell’assoluto rispetto del dibattito pubblico, legittimo in tutte le sue declinazioni, che ha animato la collettività. A questo proposito abbiamo fino ad oggi ritenuto di non condizionare tale discussione, tuttavia rimane netta la distinzione tra il confronto aperto e vivace, pur se manifestato con alcuni eccessi linguistici e pre-orientati, e l’obbligo istituzionale di chi ha l’onere di decidere, onere che ha imposto e impone approfondimenti e argomentazioni realistiche, concrete e produttive.

Sostenere che non vi è alcuna urgenza di agire in maniera risolutiva nell’unica direzione che porterebbe alla stabilizzazione della situazione scolastica territoriale, dimostra una limitata percezione del problema e una scarsa conoscenza dei dati e di quanto questi siano poco propizi, con una scuola che già oggi mantiene la propria autonomia solo grazie ad una deroga temporanea.

Relativamente all’accusa rivoltami di “aver delegato la decisioni sull’eventuale accorpamento a primi cittadini di paesi lontani” faccio presente che noi amministratori non ci siamo mai sottratti al confronto, abbiamo spiegato la nostra posizione rispondendo alle interrogazioni dei consiglieri di minoranza in Consiglio Comunale, abbiamo risposto alle sollecitazioni dei cittadini attraverso un incontro pubblico e tramite una diretta su una piattaforma social ed io per primo ho auspicato un confronto aperto, anche formale, con i rappresentanti dell’opposizione. Aggiungo che l’esercizio del voto da parte dei Sindaci della provincia all’interno del CPO non è una nostra invenzione ma un obbligo procedurale e se vi è stata una condivisione nel merito, spiegata e verbalizzata, questo conferma come la nostra posizione sia ritenuta appropriata dalla maggioranza degli amministratori locali, indipendentemente dalla loro collocazione geografica. Mi sembra inoltre opportuno sottolineare come anche l’organo tecnico-scolastico di riferimento provinciale, l’U.S.P. (Ufficio Scolastico Provinciale) si sia dichiarato favorevole alla proposta di dimensionamento.

Non posso consentire che le reiterate allusioni a presunti e fittizi vantaggi personali e professionali di chiunque, possano distogliere l’opinione pubblica dall’essenza del problema e rimango alquanto stupito di come figure istituzionali possano imperversare in modo continuo e scomposto utilizzando atteggiamenti populistici e spazi anche ufficiali per rivendicazioni personali e autoreferenziali, queste sì inopportune, svilendo il ruolo sociale e pubblico che si riveste, preferendo il brusìo allusivo e individualistico al confronto sul merito e sui dati.

Orgogliosamente io e il mio gruppo consiliare reclamiamo quanto e come l’azione di questa Amministrazione sia volta ESCLUSIVAMENTE alla salvaguardia di tutto il sistema scolastico locale nella convinzione che proprio i personalismi e la propaganda di parte siano di impedimento al raggiungimento di tale scopo.
Un dibattito politico/sociale ci si aspetta sia fondato su proposte, anche alternative, sulle quali confrontarsi e investire la pubblica opinione, ma questo proposito diviene irrealizzabile quando l’unico argomento posto in esame è ridotto a un verbo che racchiude in sé un evidente limite di visione e di prospettiva: aspettare!!!
Alla mancanza di argomenti si aggiungono la presunzione e l’arroganza che portano a denigrare, definendole “subdole e ingannevoli”, le iniziative di liberi cittadini offesi nella loro capacità di adulti consapevoli in grado di discernere contenuti e finalità di atti da loro stessi spontaneamente sottoscritti, solo perché di segno contrario al proprio e non manipolabili a piacimento.

Noi amministratori siamo altresì consapevoli che l’eventuale accoglimento della nostra proposta debba essere accompagnato da una rivisitazione complessiva di tutto il quadro complementare alla scuola, dell’edilizia scolastica, dei trasporti e dell’accoglienza, e siamo determinati ad affrontare queste necessità forti dell’inconfutabile appoggio ricevuto recentemente dalla nostra comunità. Siamo convinti che alle esigenze e alle difficoltà della collettività e dell’intero territorio circostante si debba rispondere con il lavoro, l’assunzione di responsabilità e la capacità di anticipare e scongiurare conseguenze spiacevoli e dannose, tanto più quando si procede a scelte che non prevedono alcuna penalizzazione né ridimensionamento sociale e, nello specifico, scolastico. L’offerta formativa, la correlazione tra ordini di scuola diversi (ultimamente smarritasi) e il radicamento al territorio risulterebbero rafforzate da una organizzazione più coesa e armoniosa ma sottolineiamo ancora che se oggi siamo investiti dell’onere di considerare la necessità di una diversa organizzazione della scuola della nostra terra, è solo per l’inclemenza dei numeri e la conseguente inderogabilità delle scelte.
Nessuno mette in discussione il patrimonio straordinario che hanno rappresentato negli anni le Scuole “G. De Petra” e “A. Marino” ma è proprio al fine di tutelarne e conservarne il ruolo centrale, di fronte ai mutamenti sociali e demografici, che temporeggiare sarebbe rovinoso.
L’esperienza virtuosa e trasversale di realtà a noi assimilabili, governate da compagini di indirizzo politico diverso che hanno anteposto gli interessi del territorio ai calcoli personali e politici mettendo in sicurezza le proprie istituzioni scolastiche, conferma come questa opzione sia l’unica in grado di garantire un futuro certo per LA NOSTRA SCUOLA, aldilà delle appartenenze e delle speculazioni.

Il Sindaco del Comune di Casoli
Dott. Massimo Tiberini

Immagini collegate:

Condividi