28 Febbraio 2024
GallerieReligioneTradizioni

Le foto dell’Infiorata 2023

I simboli dell’eucarestia, è stato il tema proposto quest’anno per i tappeti floreali, che da più di 60 anni vengono realizzati lungo le vie del Centro Storico per arrivare fino a Santa Reparata. Ma il fenomeno dell’abbandono di questa tradizione nella parte più antica del paese è purtroppo in ascesa ed è una realtà che non va trascurata.

In questo album più di 300 foto raccontano il gran bel lavoro fatto dagli infioratori casolani l’11 giugno 2023. Una tradizione che nasce da più di 60 anni e che quest’anno è partita sin dalla mattinata, per dare più tempo ai gruppi di organizzarsi con i disegni e i materiali colorati da usare. Il traffico lungo il Corso infatti, è stato chiuso dalle 8:30 questa volta e a rendere più agevole la realizzazione dei tappeti flroreali, è stato anche il tempo atmosferico clemente (né sole, né pioggia e né vento), ma è stata comunque una corsa contro il tempo, in quanto ogni anno, mancano le persone e, lunghi tratti restano incompleti, così per assicurare la continuità tra le varie zone, alcuni gruppi, appena ultimati i loro tappeti, si sono messi all’opera per coprire i tratti vuoti.
Nel centro antico invece, per la prima volta, non c’è stato neppure un metro di infiorata! Non era mai successo in tutti questi anni, tranne nel 2020 a causa della pandemia. E’ stato un segnale tangibile di un graduale abbandono di questa tradizione, proprio lì dove dovrebbe essere più forte, soprattutto adesso che Casoli è tra i 6 borghi più belli d’Italia. Questo fenomeno in ascesa, è iniziato già da qualche decennio: prima con via Consalvo, poi con via Settentrione, poi largo e via del Tempio e quest’anno anche con via Centrale e Piazza Rossetti.
Altra novità già in vigore dall’anno scorso (e si pensava fosse dovuto al Covid), è il percorso fatto al contrario della processione che, esce da Santa Reparata per dirigersi al centro storico, invece di uscire da Santa Maria Maggiore dopo la messa, come si è sempre fatto. Un cambiamento che senza dubbio incide (insieme a tanti altri fattori legati allo spopolamento) negativamente anche sulla realizzazione dei tappeti floreali lungo i vicoli del borgo, soprattutto in largo ed in via del Tempio, in quanto è difficile invogliare un quartiere ad organizzarsi per l’infiorata, sapendo che ormai tutte le attenzioni si sono spostate a valle, escludendo anche quelle poche attività che sono necessarie a garantire un “minimo flusso vitale” nel borgo.

Le foto sono state pubblicate in questa pagina ed anche su FB a questo indirizzo: https://www.facebook.com/media/set/?vanity=casoli.org&set=a.1138484913766168

Inoltre, gli sicritti a FB possono lasciare commenti e pareri direttamente sul sito, scrivendo nel form in fondo a questa pagina.

Immagini collegate:

Condividi