19 Maggio 2024
AmbienteArcheologiaArticoli

Da oggi 2 agosto 2022 fino al 18, Montepallano accoglierà volontari da tutto il mondo

Due campi di volontariato internazionale promossi e organizzati da Legambiente e dai Comuni di Bomba e Tornareccio in collaborazione con la “Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio” di Chieti

Da oltre 30 anni sono migliaia le persone che rispondono all’appello di Legambiente per contribuire ad un progetto di tutela e valorizzazione del territorio in Italia e all’estero. I progetti di Legambiente sono rivolti a chiunque abbia voglia di vivere un’esperienza fuori dal comune, magari con la voglia di arricchire il proprio bagaglio di esperienze, cambiare stile di vita e renderlo compatibile con la cura del nostro pianeta. Legambiente propone campi in Italia e all’estero; in Italia sono organizzati dai circoli di Legambiente presenti su tutto il territorio nazionale e vi partecipano solo volontari italiani o che parlano italiano, mentre all’estero sono organizzati dalle associazioni straniere che fanno parte, insieme a Legambiente, di uno dei più grandi network internazionali di volontariato, l’Alliance of European
Voluntary Service Organisation e accolgono volontari da tutto il mondo.

Il Circolo Legambiente Geo APS di Atessa insieme al comune di Bomba e al comune di Tornareccio, promuove due campi di volontariato internazionale che, a partire dal 2 agosto fino al 18 agosto 2022, porteranno nell’area SIC/ZSC di Monte Pallano e Lecceta d’Isca d’Archi giovani volontari provenienti da vari paesi europei (Spagna,
Belgio, Francia) ed extraeuropei (Giappone, Messico).
L’obiettivo dei campi è il ripristino, la manutenzione e il rifacimento della segnaletica del sentiero delle capanne di pietra (Bomba) che integra con un percorso ad anello il sentiero naturalistico già sistemato dai volontari nel 2021 e del sentiero che collega la zona del lago Grande alla cima di Monte Pallano. Queste attività di pulizia e ripristino dei sentieri si inseriscono in un progetto più ampio di valorizzazione e tutela dell’area SIC/ZPC Monte Pallano e Lecceta d’Isca d’Archi che Legambiente e i comuni che fanno parte dell’area stanno portando avanti in maniera sinergica. L’obiettivo è migliorare la fruizione turistica attiva e sostenibile dell’area e tutelare la biodiversità di questi meravigliosi luoghi. La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Chieti ha supervisionato il progetto e collaborato alla progettazione dei percorsi per favorire una corretta realizzazione dei lavori nel pieno rispetto delle emergenze storiche e archeologiche presenti nell’area. Per l’organizzazione dei campi si ringrazia per il supporto l’Inner Wheel Atessa Media Val di Sangro.

Marinella Fioriti, assessore alla cultura del Comune di Bomba, afferma: “Con piacere abbiamo accettato di organizzare il campo di volontariato, ripetendo la positiva esperienza di collaborazione con Legambiente, iniziata nel 2021 con la realizzazione del primo campo di volontariato internazionale a Bomba. Continuiamo, dunque, il percorso di valorizzazione dell’area di Monte Pallano, riaprendo un secondo sentiero molto interessante, perché caratterizzato da muretti in pietra a secco e capanne in pietra a secco. Ridonare alla comunità una pagina della nostra storia, delle nostre radici è un nostro dovere. Vogliamo quindi riscoprire un paesaggio agropastorale oggi non fruibile, di cui abbiamo notizia, oltre che da questi meravigliosi resti, anche dalla voce dei nostri nonni, la nostra
memoria storica da tramandare ai più giovani
.”

Nicola Iannone, sindaco di Tornareccio racconta: “Il comune di Tornareccio è impegnato nelle azioni di tutela e valorizzazione di monte Pallano e sulla base di questo obiettivo comune nasce la nostra collaborazione con Legambiente e con le amministrazioni comunali che rientrano nell’area SIC/ZSC di monte Pallano e Lecceta d’Isca d’Archi. Il lavoro che andremo a realizzare grazie ai giovani volontari che saranno presenti a Tornareccio dall’8 al 18 agosto 2022 si inserisce in questo percorso più ampio e in un progetto condiviso per valorizzare e far scoprire questi luoghi meravigliosi.

Rebecca Virtù, della segreteria regionale di Legambiente dichiara: “Da anni lavoriamo come Legambiente per attivare sinergie e risorse per migliorare la fruizione turistica attiva e sostenibile dell’area, per tutelare la biodiversità di questi meravigliosi luoghi e per valorizzare le emergenze storiche e archeologiche di Monte Pallano, nella convinzione che rappresentino la carta vincente per creare nuove forme di occupazione durevoli e per costruire uno sviluppo economico solido e ambientalmente compatibile sul nostro territorio. L’emergenza Covid ha cambiato le necessità e le priorità di molte persone che cercano luoghi in cui scoprire un turismo esperienziale fatto di luoghi che raccontano storie e che sono fruibili in maniera ecosostenibile.

Immagini collegate:

Condividi