17 Aprile 2024
ArticoliBeni culturaliCulturaStoria

Il Cristo pantocratore dell’antico portale di S. Reparata

Quei resti antichi murati a forma di croce all’interno della chiesa di Santa Reparata

di Maria Carmela Ricci

Clicca sulla seguente immagine per ingrandire a tutta pagina

Il busto in altorilievo con mano pantea, che anticamente si trovava nella lunetta sovrastante il portale d’ingresso del tempio di Santa Reparata, oggi è all’interno della chiesa.
E’ murato sulla parete della navata destra a fianco dell’ingresso principale e forma una croce insieme ad altri due elementi lapidei scolpiti: un pezzo della cornice dell’architrave dell’antico portale e un tratto di stipite sinistro di un portale (forse quello dell’ingresso laterale originale sostituito in seguito).

Non sono i resti di una chiesa distrutta dalla guerra, ma il risultato della trasformazione voluta nel dopoguerra, che ci costò la grave perdita, non solo della facciata originale, ma anche del prezioso soffitto ligneo dichiarato monumento nazionale nel 1902 e degli affeschi sui muri, in particolare sulla parete che divideva la navata centrale dall’attuale presbiterio, abbattuta durante i lavori per ingrandire la chiesa.

Gli altri elementi lapidei del portale d’ingresso (lunetta e stipiti), come sappiamo, sono stati rimontati sul fianco destro e l’antico oculo di facciata con doppia cornice concentrica, che in origine aveva la funzione di illuminare la navata centrale, sempre durante la trasformazione effettuata nel dopoguerra, è stato spostato in altezza, racchiuso nella moderna cornice e reso cieco, perché collocato dietro il solaio del controsoffitto.

Immagini collegate:

Condividi